ASTIGMATISMO

Condividi con i tuoi contatti

  1. DIFETTO VISIVO DELL’ASTIGMATISMO

salusottica-astigmatismo

  • Che cos’è?

L’astigmatismo è un difetto di messa a fuoco dovuto alla conformazione della cornea che nel soggetto astigmatico ha forma asimmetrica, ellissoidale, mentre in un soggetto normale ha forma simmetrica. Nella cornea normale tutti i meridiani hanno uguale potere refrattivo, mentre nell’astigmatico i meridiani hanno potere diverso; proprio per la differenza di potere tra i due meridiani principali della cornea i raggi paralleli che arrivano all’occhio non vanno a fuoco in un punto preciso ma lungo un intervallo di visione sfuocata detto conoide di Sturm. Esistono astigmatismi regolari in cui i meridiani principali sono ortogonali tra loro ed astigmatismi irregolari in cui i meridiani principali non sono ortogonali tra loro. L’astigmatismo può essere miopico, ipermetropico o misto; nell’astigmatismo miopico entrambe le focali sono davanti alla retina, nell’ipermetropico entrambe le focali sono virtualmente dopo la retina e in quello misto una focale è davanti alla retina e l’altra è idealmente dopo la retina.

  • Le cause

L’astigmatismo di solito è legato ad un’anomalia di curvatura della cornea e più precisamente per una differenza di curvatura tra il meridiano verticale e quello orizzontale; raramente la causa è un’anomalia di curvatura del cristallino. Il difetto è congenito, si individua nei primi anni di vita e rimane pressoché invariato nel corso degli anni. L’astigmatismo può anche comparire secondariamente ad interventi chirurgici come cataratta, trapianto di cornea, distacco di retina, o successivamente a traumi oculari o anche per la pressione delle palpebre superiori sul bulbo come accade nel caso di neoformazioni palpebrali tipo calazio.

  • I sintomi

A seconda del grado di astigmatismo i sintomi possono essere differenti.  Astigmatismi molto lievi possono essere asintomatici. In caso di astigmatismi lievi il soggetto vedrà bene da lontano e da vicino ma potrebbe lamentare dolori ai bulbi oculari, alle palpebre, cefalea o bruciore agli occhi dovuti a un eccessivo lavoro dell’accomodazione per favorire una messa a fuoco ottimale. Per astigmatismi medi o elevati si presenta una visione sfuocata e distorta sia da vicino che da lontano.

  • Quali rimedi

Per compensare l’astigmatismo esistono due metodi:

–    occhiali, con lenti toriche

–    lenti a contatto toriche morbide o rigide

Il soggetto astigmatico, dopo aver fatto un accurato controllo visivo, può scegliere una delle due soluzioni. L’occhiale è la soluzione più comoda e veloce; una volta scelta la montatura, il nostro ottico-optometrista può consigliarvi le lenti più adatte a seguito della verifica di diversi parametri quali entità della dell’astigmatismo, distanza tra le pupille, distanza tra occhio e occhiale e tipologia di lavoro da voi effettuato.

La seconda soluzione prevede l’uso di lenti a contatto toriche. Oggi in commercio esistono lenti sia morbide che rigide. In caso di astigmatismi regolari si usano quasi sempre le lenti morbide; sono lenti molto sottili, esistono giornaliere, quindicinali e mensili. Dopo aver verificato i parametri oculari principali, quali diametro e curvatura della cornea sui meridiani principali, quantità e qualità del film lacrimale (tramite appositi test non invasivi), il nostro contattologo può consigliarvi le lenti e i sistemi di manutenzione più adatti ai vostri occhi e alle vostre esigenze. In caso di astigmatismi irregolari (congeniti o dovuti a cheratocono o interventi chirurgici) si rende necessario l’uso di lenti a contatto rigide che sono lenti di durata semestrale o annuale; questo polimero permette di formare un menisco lacrimale tra cornea e lente in modo che i meridiani abbiamo tutti lo stesso potere refrattivo. Il nostro contattologo rileva tramite test oggettivi non invasivi tutti i parametri necessari per l’applicazione, fa costruire in laboratorio una lente prova e dopo aver effettuato la prima applicazione e le eventuali modifiche provvede a far costruire la lente finale.

astigmatismo-visione-normale-difetto-visivo


Condividi con i tuoi contatti